• Mondo
  • venerdì 11 maggio 2018

Gli Stati Uniti hanno imposto nuove sanzioni all’Iran, per colpire le Guardie rivoluzionarie

Gli Stati Uniti hanno imposto nuove sanzioni su sei persone e tre società iraniane accusate di avere legami con le Guardie rivoluzionarie, un corpo militare iraniano di élite responsabile di alcune delle più aggressive operazioni all’estero degli ultimi anni. Il segretario del Tesoro statunitense, Steven Mnuchin, ha detto che i soggetti colpiti dalle ultime sanzioni finanziavano le Guardie rivoluzionarie per milioni di dollari, soldi che poi venivano usati per finanziare e armare i gruppi e le milizie sciite estere appoggiate dall’Iran: la rete è stata eliminata anche con l’aiuto degli Emirati Arabi Uniti.

Le nuove sanzioni sono state imposte tre giorni dopo la decisione del presidente americano Donald Trump di ritirarsi dall’accordo sul nucleare iraniano. Trump aveva già annunciato nei giorni scorsi che la sua amministrazione avrebbe aumentato la pressione sulle Guardie rivoluzionarie, accusate dagli americani di appoggiare gruppi terroristici (come Hezbollah) e di alimentare l’instabilità del Medio Oriente.

Soldati delle Guardie rivoluzionarie a Teheran (ATTA KENARE/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.