• Mondo
  • giovedì 10 maggio 2018

Il presidente del Portogallo ha messo il veto su una legge che avrebbe reso più facile il cambio di genere dal punto di vista legale

Il presidente del Portogallo Marcelo Rebelo de Sousa ha messo il veto su una legge che avrebbe reso più facile il cambio di genere dal punto di vista legale. Se la nuova legge fosse entrata in vigore avrebbe permesso a tutti i cittadini con più di 16 anni di cambiare il loro genere su documenti d’identità senza bisogno di pareri medici. Per le persone con meno di 18 anni sarebbe comunque stato necessario il consenso dei genitori.

Rebelo de Sousa ha chiesto al Parlamento di modificare la legge in modo che renda necessario un parere medico per le persone con meno di 18 anni che chiedono il cambio di genere. La nuova legge era stata approvata lo scorso 13 aprile dalla maggioranza socialista che sostiene il governo portoghese.

 

(Carlos Alvarez/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.