I ristoranti dello chef Jamie Oliver in Australia sono finiti in amministrazione controllata

La società che controllava i ristoranti dello chef britannico Jamie Oliver in Australia è finita in amministrazione controllata a causa dei pesanti debiti. Uno dei sei ristoranti della catena ha chiuso immediatamente, lunedì 16 aprile, mentre gli altri cinque sono stati venduti all’ultimo momento al gruppo australiano Hallmark Group e potranno continuare ad operare.

Solo 12 mesi fa, i sei ristoranti erano stati ricomprati dalla società di Jamie Oliver dopo il fallimento della società che li aveva gestiti fino a quel punto. L’operazione di salvataggio non è andata a buon fine. La nuova procedura di amministrazione controllata è arrivata pochi giorni dopo la notizia che anche la società che gestisce i ristoranti di Jamie Oliver nel Regno Unito è in un momento particolarmente difficile, gravata da diverse decine di milioni di euro di debiti.

Jamie Oliver (AP Photo/Rob Griffith)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.