Sequenza di specchi a Libreville, in Gabon, gennaio 2017 (GABRIEL BOUYS/AFP/Getty Images)

Attraverso lo specchio

Galleria fotografica di riflessi e abbagli, voluti e casuali, di chi cerca la propria immagine e di chi è riflesso senza farci caso

Sequenza di specchi a Libreville, in Gabon, gennaio 2017 (GABRIEL BOUYS/AFP/Getty Images)

Il mondo delle favole è pieno di specchi che capovolgono la realtà o che trasportano in mondi immaginari, che esaudiscono desideri e rimandano riflessi incoraggianti; nel mondo reale sono crudeli nel lasciarci scovare le imperfezioni dei nostri corpi e generosi nel mostrarci chi siamo, nell’avvicinarci alla comprensione che gli altri da fuori hanno di noi. È raro che qualcuno di noi non si specchi almeno una volta al giorno, in cerca dell’approvazione o della stanchezza del proprio sguardo, e se provaste per giorni a non farlo finireste forse per sentirvi smarriti; o forse vi riscoprireste, con un po’ di sorpresa. È piacevole cercare il proprio doppio, ma è anche piacevole sorprendere il mondo degli altri in uno specchio: un riflesso di amiche a chiacchierare in un bar, un ragazzo che cammina per strada da una specchiera abbandonata, cocci in frantumi e frantumi di un soldato in divisa, la vita di città nell’abbaglio di uno specchietto retrovisore, tutte immagini che ritroverete in questa raccolta.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.