3 piccoli elettrodomestici per piccole case

E altri oggetti per rendere più efficienti pulizie e logistiche abitative e dire finalmente «taaac»

Renato Pozzetto nel piccolissimo appartamento di "Il ragazzo di campagna"

In un articolo dai toni molto entusiasti l’esperta di pulizie del New York Times (esiste, e vi sa dire anche come usare il ketchup per pulire gli oggetti d’ottone) Jolie Kerr ha raccontato quali siano secondo lei i piccoli elettrodomestici più adatti per chi vive in un appartamento molto piccolo. Nella selezione ci sono un piccolo aspirapolvere molto potente, un’alternativa al ferro da stiro e un robot pulitore che non si limita a raccogliere la polvere ma dà anche lo straccio.

Una scopa elettrica senza fili

Il primo elettrodomestico consigliato da Kerr è la scopa elettrica senza fili Dyson DC44 Animal, che si può attaccare al muro quando non viene usata, è molto potente – come tutti gli aspirapolvere di Dyson – ed è leggera. Essendo un modello vecchio non si può più acquistare, ma ci sono modelli più recenti che ne sono un’evoluzione: stando a Wirecutter, il sito specializzato in recensioni di prodotti che appartiene sempre al New York Times e quando consiglia qualcosa lo fa sempre dopo numerosi test, il migliore è il Dyson V7 Motorhead, che è anche considerato la migliore scopa elettrica in circolazione. È più costoso della media delle scope elettriche: su Amazon lo trovate a 329 euro, su ePrice a 399, su Unieuro a 454. Se vi interessa una scopa elettrica ma volete spendere molto meno, il miglior rapporto tra prezzo e recensioni su Amazon è quello della Imetec Piuma: pesa mezzo chilo in più del V7, non è senza filo e consuma meno. Costa 58 euro.

Una stiratrice verticale

Forse ne avete viste nelle immagini dei backstage delle sfilate di moda: le stiratrici verticali – steamer in inglese, perché emettono visibilmente vapore – permettono di togliere le pieghe ai vestiti. Non rimpiazzano del tutto i ferri da stiro, ma senza bisogno di un asse permettono di rendere meno disordinati cappotti, magliette e camicie e abiti di seta – per i colletti di quelle di cotone o di lino non c’è molto che si possa fare. Jolie Kerr consiglia la Reliable Dash, che in Italia è venduta da Ariete con il nome Ariete 4167 – costa 27,87 euro su Amazon e 28,99 su ePrice – e che rappresenta un buon compromesso tra uno steamer e un ferro, dato che può anche essere usato come tale per stirare piccole superfici. Se poi vivete in provincia di Milano e oltre ad avere una casa molto piccola avete poco tempo e poca voglia di stirare c’è un servizio di lavanderia e stireria a domicilio: si chiama Mamaclean e il prezzo per far stirare una camicia appesa è 2,20 euro.

Il robot che dà lo straccio

Il terzo piccolo elettrodomestico consigliato da Kerr è il Braava Jet di iRobot, che pulisce i pavimenti non solo aspirando, ma anche lavando. Pesa meno di un chilo e mezzo, è alto poco più di 8 centimetri, largo meno di 18 e lungo 17. Ha tre modalità di pulizia: quella a secco, quella “umida” e quella “bagnata”. È pensato per arrivare nelle aree più difficili da raggiungere, ad esempio quelle intorno ai sanitari, e per essere usato anche di notte. Su Unieuro e su Amazon è in vendita a 204,94 euro, su ePrice a 258 con consegna gratuita.

Kerr vorrebbe anche acquistare una lavastoviglie da single, che permetta di lavare pochi piatti e bicchieri (e molte altre cose) senza sprecare energia e spazio, ma per ora non è possibile: ne esiste una, si chiama Tetra e la produce un’azienda di nome Heatworks, ma non è ancora arrivata sul mercato.

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi – che potrebbero variare di giorno in giorno rispetto a quelli indicati, in base alle offerte. Ma potete anche cercarli su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.