• Italia
  • giovedì 5 Aprile 2018

I sacchetti biodegradabili per la spesa di frutta e verdura si potranno portare da casa

Lo ha deciso il Consiglio di Stato, stabilendo inoltre che i consumatori potranno usare anche altri tipi di contenitori per i loro acquisti

Il Consiglio di Stato – l’organo più importante della giustizia amministrativa italiana – ha deciso che i sacchetti biodegradabili per fare la spesa di frutta e verdura al supermercato si possono portare da casa e non vanno necessariamente acquistati dai negozianti. La decisione chiarisce uno degli aspetti del decreto entrato in vigore a gennaio che imponeva il passaggio ai sacchetti biodegradabili anche per l’acquisto di frutta, verdura, carni e salumi in negozi e supermercati e introduceva l’obbligo di indicarne il prezzo sugli scontrini. Il Consiglio di Stato ha stabilito che proprio perché i sacchetti vengono considerati una merce come le altre, il loro acquisto da un certo negoziante non può essere imposto e i consumatori devono avere il diritto di comprarli dove preferiscono e usarli quando fanno la spesa.

Come spiega Repubblica, il Consiglio di Stato ha anche stabilito che siccome l’obiettivo del decreto era una riduzione dei volumi di plastica non riciclabile sul mercato, i consumatori potranno scegliere di fare la spesa con sacchetti o altri tipi di contenitori riutilizzabili. Per esempio sacchetti di carta o retine. Stabilire quali sono i contenitori adatti a fare la spesa spetterà probabilmente ai commercianti, ma nelle prossime settimane dovrebbe arrivare un regolamento del ministero della Salute.