• Italia
  • giovedì 29 marzo 2018

Giuseppe Sala è stato prosciolto

Il sindaco di Milano era accusato di abuso d’ufficio sugli appalti di Expo 2015, ma non si è nemmeno arrivati al processo

La giudice dell’udienza preliminare del processo sugli appalti di Expo 2015 ha stabilito che Giuseppe Sala, ex amministratore delegato di Expo 2015 e attuale sindaco di Milano, non commise abuso d’ufficio nell’assegnazione diretta all’azienda Mantovani della piantumazione di una parte delle aree verdi all’Esposizione Universale di Milano. Secondo l’accusa, l’assegnazione diretta e senza gara europea avrebbe causato un “danno di rilevante gravità allo Stato e un ingiusto vantaggio patrimoniale all’azienda Mantovani”.

Lo scorso dicembre Sala aveva ricevuto una nuova conclusione d’indagine dalla Procura di Milano, che di fatto aveva rivisto una precedente imputazione mossa e poi stralciata nei suoi confronti per l’appalto di una delle aree verdi di Expo 2015. La vecchia contestazione di “turbativa d’asta” fu eliminata e sostituita da quella nuova di abuso di ufficio in concorso con Angelo Paris, già direttore generale di Expo. Paris è stato rinviato a giudizio insieme all’ex direttore generale di ILSPA-Infrastrutture Lombarde, Antonio Rognoni, e ai titolari di altre due società coinvolte. Quello per cui è stato prosciolto non era comunque l’unica indagine che coinvolge Sala relativa a Expo, che sarà processato per falso e ha chiesto il rito immediato.

(OLIVIER MORIN/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.