Laura Boldrini (ANSA/ETTORE FERRARI)

Bisogna dire “la presidente” o “la presidentessa”?

Casellati e Boldrini sono d'accordo, così come l'Accademia della Crusca: "la presidente"

Laura Boldrini (ANSA/ETTORE FERRARI)

Circola da ieri una battuta della neo presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, alla quale un giornalista ha chiesto se preferisse essere chiamata «presidente» o «presidentessa».

Il giornalista alludeva probabilmente alle note posizioni dell’ex presidente della Camera, Laura Boldrini, a favore dell’uso del femminile per quelle parole che riguardano mestieri tradizionalmente svolti dagli uomini (il motivo per cui siamo abituati a “maestra” ma non a “ministra”, a “segretaria” ma non a “sindaca”), ma era un’allusione sbilenca, e non solo perché Boldrini non ha mai chiesto di essere chiamata “presidentessa”. Come dice l’Accademia della Crusca, infatti:

Tradizionalmente attribuiti a uomini (erano rari i casi di presidenti e dirigenti donna), ma linguisticamente ambigenere, sono i nomi di professione uscenti in -ente che derivano dal participio presente dei verbi e variano il loro genere grazie all’articolo che li precede: il dirigente / la dirigente. In merito dunque all’oscillazione sulla forma femminile di il presidente, l’uso dell’articolo femminile senza aggiunta di suffissi può essere un buon compromesso.

Così come “dirigente” è la persona che dirige, uomo o donna, e nessuno si sognerebbe di usare “dirigentessa”, allo stesso modo “presidente” è la persona che presiede, uomo o donna: il presidente se uomo, la presidente se donna. Forse anche per questo la presidente Casellati ha risposto che preferisce essere chiamata “presidente”, e Boldrini lo ha ribadito su Twitter prendendosela con Libero, che invece aveva giudicato un'”umiliazione” la risposta di Casellati.