• Mondo
  • giovedì 22 marzo 2018

Peter Pellegrini è il nuovo primo ministro slovacco

Questa mattina l’ex vice primo ministro slovacco Peter Pellegrini è stato nominato primo ministro dal presidente della Slovacchia Andrej Kiska, che ha messo fine alla complicata crisi politica che aveva portato alle dimissioni del primo ministro Robert Fico. Fico era stato messo sotto pressione per alcuni fatti legati all’omicidio del giornalista investigativo Ján Kuciak e dopo giorni di tensioni politiche e grandi manifestazioni, aveva dovuto dimettersi per evitare di andare ad elezioni anticipate. Le sue dimissioni erano state concordate con il presidente Kiska, e la nomina di Pellegrini era prevista. Pellegrini, che ha 42 anni, fa parte dello stesso partito di Fico, lo Smer.

Insieme a Pellegrini è stato nominato anche un nuovo ministro dell’Interno, Tomas Drucker, che prenderà il posto del dimissionario Robert Kalinak. Drucker non fa parte del partito di Pellegrini e Fico ed è stato scelto dal nuovo primo ministro per la sua imparzialità, in modo da garantire la regolarità dell’indagine sulla morte di Kuciak. Era una richiesta che aveva fatto il presidente Kiska – che ieri per lo stesso motivo aveva rifiutato il primo nome proposto da Pellegrini – ma che non ha soddisfatto tutti. Per venerdì è prevista la quarta grande manifestazione contro il governo.

Peter Pellegrini, poco dopo la sua nomina a primo ministro (CTK via AP Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.