• Mondo
  • giovedì 22 marzo 2018

Si è dimesso John Dowd, capo degli avvocati di Donald Trump nell’indagine sulla Russia

Si è dimesso John Dowd, capo degli avvocati del presidente degli Stati Uniti Donald Trump nell’indagine del procuratore speciale Robert Mueller sul rapporto tra il comitato elettorale di Trump e la Russia. Dowd, dice il New York Times, aveva già pensato di dimettersi diverse volte in passato (è a capo della difesa di Trump dalla scorsa estate). Secondo il Washington Post sarebbe stata una decisione condivisa da Trump e Dowd: il primo sarebbe stato insoddisfatto del lavoro di Dowd, che a sua volta non avrebbe gradito l’assunzione di nuovi avvocati decisa recentemente da Trump. Secondo le fonti del New York Times, invece, sarebbe stata una decisione di Dowd, preoccupato dal fatto che Trump continuasse a ignorare i suoi consigli: lui per esempio vorrebbe testimoniare personalmente nell’indagine, nonostante Dowd pensi sia una cattiva idea.

John Dowd in una foto del 2011. (AP Photo/Richard Drew, File)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.