• Mondo
  • lunedì 19 marzo 2018

Da oggi in Mississippi è in vigore una durissima legge contro l’aborto

Il governatore del Mississippi Phil Bryant, Repubblicano, ha firmato oggi una nuova legge che vieta quasi tutti gli aborti dopo la 15esima settimana di gravidanza anche in caso di stupro o incesto. La nuova legge – conosciuta anche come Gestational Age Act – prevede eccezioni al limite delle 15 settimane solo in caso di gravissime malformazioni del feto (tali da renderne la vita impossibile fuori dall’utero) o di grave rischio di salute per la donna, e ha reso il Mississippi lo stato americano con la più severa legge contro l’aborto. I medici che praticheranno aborti dopo le 15 settimane dovranno presentare un resoconto dell’intervento e potranno perdere la licenza ad esercitare se violeranno la nuova legge. Diversi gruppi di attivisti considerano la legge incostituzionale e hanno promesso di fare ricorso.

Il governatore del Mississippi Phil Bryant (AP Photo/Rogelio V. Solis)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.