Toys R Us chiuderà più di 800 negozi negli Stati Uniti e in giro per il mondo

La grande catena di negozi di giocattoli Toys R Us ha in programma la chiusura dei suoi oltre 800 negozi negli Stati Uniti, stando alle informazioni raccolte dal Washington Post e poi confermate dalla stessa azienda. La notizia è stata comunicata dal CEO David Brandon ai dipendenti, in vista della prima udienza per la richiesta di fallimento formulata dall’azienda, e che si dovrebbe tenere oggi, 15 marzo. Toys R Us chiuderà anche i propri negozi in altre parti del mondo, come Francia, Spagna, Polonia e Australia. La società cercherà inoltre di liquidare e vendere ai migliori offerenti i suoi negozi in altri paesi dell’Europa centrale, dell’Asia e del Canada, ammesso che si faccia avanti qualcuno interessato. Toys R Us ha presentato domanda di fallimento lo scorso settembre, dichiarando debiti per oltre 5 miliardi di dollari. La società ha in seguito registrato una pessima stagione degli acquisti natalizi, con meno della metà degli utili di solito registrati nel periodo.

(Spencer Platt/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.