Tommasa Giovannoni, moglie di Renato Brunetta, è stata condannata per un tweet diffamatorio nei confronti di Luca Lotti, dice il Messaggero

Tommasa Giovannoni, moglie di Renato Brunetta, è stata condannata a 1.500 euro di multa con pena sospesa per un tweet diffamatorio nei confronti del ministro dello Sport Luca Lotti. La sentenza – di cui ha scritto il Messaggero nella sua edizione cartacea del 14 marzo – è arrivata con un decreto penale di condanna: un procedimento giudiziario a cui si può fare ricorso solo nel caso di pene pecuniarie e in cui il giudice decide su richiesta del Pubblico ministero senza udienza preliminare e dibattimento. Giovannoni era stata querelata dal ministro dello Sport Luca Lotti per aver scritto un tweet in cui accusava Lotti stesso e altri politici del Partito Democratico di essere mafiosi. Il tweet era stato scritto da un account a nome di “Beatrice Di Maio”, di cui poi Giovannoni si era presa la responsabilità.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.