• Mondo
  • martedì 13 marzo 2018

Cinque donne hanno accusato l’architetto Richard Meier di molestie sessuali

Il New York Times ha scritto che cinque donne hanno accusato di molestie sessuali il famoso architetto statunitense Richard Meier. Meier ha 83 anni e nel 1984 vinse il Pritzker Prize, il più importante riconoscimento internazionale per l’Architettura: ha progettato edifici molto famosi come il Getty Center di Los Angeles, il MACBA di Barcellona e anche il Museo dell’Ara Pacis a Roma.

Due delle donne che hanno accusato Meier hanno raccontato di essere state invitate nel 2009 nel suo appartamento di New York con un pretesto di lavoro: entrambe erano giovani dipendenti dello studio, erano state assunte da poco e quando Meier fece loro delle richieste sessuali molto esplicite loro si negarono e poi scapparono via. Una terza donna ha raccontato che l’architetto le aveva afferrato la biancheria intima attraverso il vestito. Alla quarta donna Meyer si presentò con l’accappatoio aperto. Una di queste donne avrebbe ottenuto un risarcimento per non divulgare pubblicamente le molestie subite.

Una quinta donna, che non lavorava per lo studio di Meier e che faceva la designer di mobili, ha raccontato al New York Times un episodio avvenuto a Los Angeles negli anni Ottanta quando l’architetto stava progettando il Getty Center. Meier la invitò a cena dove avrebbero dovuto esserci anche altre persone: lei era invece l’unica presente. Cercò di baciarla con la forza e quando la donna cercò di andare via, lui la afferrò da dietro «con entrambe le braccia e iniziò a tirarmi indietro: mi girai e mi allontanai da lui, ma mi prese per il braccio e iniziò a trascinarmi lungo il corridoio verso la camera da letto. Mi spinse sul letto e si sdraiò su di me mentre mi torcevo e lo spingevo via dicendo: “No, no, no”. Lui continuò. (…) Ero piuttosto aggressiva nel dirgli di no, ma lui non ascoltava». Alla fine la donna riuscì a liberarsi e a scappare.

Il New York Times (che ha raccolto le testimonianze delle cinque donne e che ha pubblicato anche i loro nomi) ha raccontato che le dipendenti dello studio di Meier erano state avvertite dalle colleghe più anziane dei comportamenti dell’architetto e che avevano ricevuto il suggerimento di non restare da sole con lui. Le donne coinvolte hanno anche spiegato di non aver denunciato prima i fatti perché avevano paura.

Meier, dopo l’articolo del New York Times, si è scusato in una nota «con chiunque si sia sentito offeso» dal suo comportamento e ha annunciato che si prenderà un congedo di sei mesi dal suo studio di architettura, il Richard Meier & Partners che è considerato uno dei maggiori studi di architettura del mondo,

Richard Meier nel settembre del 2007 sulla terrazza dell'Arp Museum Bahnhof Rolandseck, in Germania (Thomas Frey/picture-alliance/dpa/AP Images)