• Italia
  • mercoledì 28 febbraio 2018

In provincia di Latina un militare ha ferito gravemente la moglie e ucciso le sue due figlie, poi si è suicidato

Un militare di 44 anni ha sparato questa mattina a sua moglie, da cui si stava separando, e ha ucciso le sue due figlie di 8 e 12 anni, prima di uccidersi nella casa dove aveva vissuto con la sua famiglia in provincia di Latina. L’uomo si chiamava Luigi Capasso, era originario di Napoli ma residente a Cisterna di Latina.

Questa mattina, intorno alle 5, Capasso era andato a casa della moglie, Antonietta Gargiulo, 39 anni, trovandola in garage mentre stava prendendo la macchina per andare al lavoro. L’ha colpita con tre spari della sua pistola di ordinanza, ferendola gravemente: la donna si trova ora al San Camillo di Roma, ricoverata in prognosi riservata. Capasso ha poi preso le chiavi di casa ed è salito nell’appartamento nel quale stavano dormendo le figlie di 8 e 12 anni. Si è barricato dentro, tenendole in ostaggio. Per ore la polizia ha cercato di negoziare con Capasso, il quale però ha sparato e ucciso a entrambe le figlie, prima di uccidersi lui stesso. La polizia ha scoperto della morte delle due figlie solo quando è riuscita a entrare nell’appartamento, attorno alle 14.30.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.