Il Movimento 5 Stelle ha ammesso che altri due suoi candidati fanno parte di logge massoniche

Con un comunicato diffuso giovedì sera, il Movimento 5 Stelle ha ammesso che altri due suoi candidati – Piero Landi e Bruno Azzerboni – fanno parte di logge massoniche. Pochi giorni fa si era scoperto che Catello Vitiello, avvocato e candidato alla Camera dei Deputati nel collegio uninominale Campania 3, aveva fatto parte di una loggia massonica.

Piero Landi è candidato alla Camera nel collegio di Lucca e la sua appartenenza alla loggia massonica Francesco Burlamacchi era stata raccontata oggi dal Foglio. Bruno Azzerboni è candidato all’uninominale in Calabria. Il Movimento 5 Stelle ha detto che chiesto a Landi e Azzerboni di rinunciare al loro seggio nel caso saranno eletti, perché non avevano detto di appartenere a logge massoniche al momento della candidatura. Rinunciare al seggio una volta eletti, tuttavia, è una cosa lunga e complicata e non è affatto un procedimento automatico. Il Movimento 5 Stelle ha anche detto che ha vietato a Landi e Azzerboni di usare ancora il simbolo del partito in campagna elettorale.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.