• Mondo
  • giovedì 8 febbraio 2018

L’ex prima ministra del Bangladesh, Khaleda Zia, è stata condannata a cinque anni per peculato

Stamattina l’ex prima ministra del Bangladesh, Khaleda Zia, è stata condannata a cinque anni per peculato. È accusata di essersi appropriata dei fondi gestiti dalla fondazione della sua famiglia, che in origine dovevano servire a costruire un orfanotrofio. Insieme a Zia è stato condannato anche suo figlio Tarique Rahman, che ha ricevuto una condanna a 10 anni di carcere. Zia sostiene di essere stata condannata per motivi politici, dato che aveva manifestato l’intenzione di candidarsi alle elezioni politiche di dicembre. A Dacca, fuori dal tribunale dove è stata letta la sentenza, la polizia si è scontrata con migliaia di sostenitori di Zia che stavano protestando contro il processo.

Zia è la moglie dell’ex dittatore del Bangladesh Ziaur Rahman, ucciso in un attentato nel 1981. È stata due volte prima ministra del Bangladesh, eletta democraticamente: prima dal 1991 al 1996 e successivamente dal 2001 al 2006. Fino a una decina di anni fa era considerata fra le politiche più potenti al mondo.

(MUNIR UZ ZAMAN/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.