La polizia postale ha individuato l’hacker che violò la piattaforma Rousseau del M5S

La polizia postale ha individuato l’hacker che ad agosto dell’anno scorso violò la piattaforma Rousseau del M5S, quella che serve agli iscritti al Movimento per votare candidati e proposte politiche. È un trentenne veneto di cui non è stato diffuso il nome. Al momento è indagato per accesso abusivo a sistema informatico, e nei suoi confronti è stato emesso un decreto di perquisizione e ispezione informatica.

L’hacker si faceva chiamare Evariste Gal0is e aveva violato il sito pochi giorni dopo il lancio di una nuova versione da parte della Casaleggio Associati, la società che gestisce il sito. Aveva scoperto una falla grazie alla quale poteva accedere ai dati sensibili degli iscritti pur non avendo privilegi da amministratore. Subito dopo la scoperta aveva scritto alla Casaleggio Associati, che gli aveva risposto di avere risolto il problema. A suo parere però la falla era ancora presente, ma a quel punto la conversazione con la Casaleggio Associati si era interrotta.

(ANSA/CLAUDIO LATTANZIO)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.