Uma Thurman ha raccontato al New York Times di essere stata aggredita sessualmente da Harvey Weinstein

L’attrice americana Uma Thurman ha raccontato al New York Times la storia del suo rapporto con il produttore cinematografico Harvey Weinstein e di quello con il regista Quentin Tarantino, dicendo che il primo la aggredì sessualmente durante la produzione di Kill Bill: Volume 1 (2003) e che il secondo ebbe dei comportamenti scorretti nei suoi confronti – non di natura sessuale – sul set di Kill Bill: Volume 2 (2004). La casa di produzione Miramax, di proprietà di Weinstein e di suo fratello, distribuì sia Kill Bill sia Pulp Fiction (1994), il primo film diretto da Tarantino in cui recitò Thurman.

Su Weinstein, Thurman ha raccontato che lo conobbe bene dopo il successo di Pulp Fiction e che si incontrarono più volte prima che lui la aggredisse. Come nei casi di molte altre donne che a partire dallo scorso ottobre lo hanno accusato di molestie sessuali, accadde in una stanza d’albergo, il Savoy Hotel di Londra: «Mi spinse a terra e cercò di mettersi sopra di me e di svestirsi. Fece molte cose sgradevoli, ma non insistette più di tanto e non mi costrinse. Mi sentivo come un animale che si contorce per liberarsi, come una lucertola». Successivamente Thurman minacciò Weinstein di raccontare dell’aggressione, ma, secondo Ilona Herman, un’amica dell’attrice che la accompagnò all’incontro con il produttore, lui la minacciò di rovinarle la carriera. Lo stesso Weinstein ha confermato in parte quanto raccontato da Thurman al New York Times, ma ha negato le minacce.

Per quanto riguarda Tarantino, Thurman ha raccontato che sul set di Kill Bill: Volume 2 il regista la obbligò a guidare l’auto Karmann Ghia modificata che compare all’inizio del film, a una velocità elevata. L’attrice aveva paura di farlo e aveva chiesto che se ne occupasse la sua controfigura, ma Tarantino insistette. Girando la scena Thurman finì fuori strada con l’automobile e si ferì alle ginocchia e al collo: tuttora ha dei problemi fisici legati all’incidente. Fino a poco tempo fa non era mai riuscita a ottenere un video della scena: Miramax non glielo fornì mai perché lei si rifiutò di firmare un documento in cui si impegnava a non ritenerla responsabile dei suoi problemi di salute. Dopo tutte le vicende legate a Weinstein, Thurman ha ottenuto il video, che si può vedere sul sito del New York Times.

Thurman ha anche raccontato di aver subìto uno stupro quando aveva 16 anni da parte di un attore (non nominato) di circa 20 anni più vecchio di lei.

Uma Thurman ha augurato una lunga agonia a Harvey Weinstein, su Instagram

Uma Thurman, il 30 giugno 2017 (Ronny Hartmann/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.