• Mondo
  • sabato 20 gennaio 2018

Il presidente dell’Egitto Abdel Fattah al Sisi si candiderà per un secondo mandato

Il presidente dell’Egitto Abdel Fattah al Sisi ha annunciato che si candiderà per un secondo mandato alle elezioni di marzo, come già si prevedeva. Nel luglio 2013 al Sisi, che allora era un generale, prese il potere con un colpo di stato contro Mohammed Morsi, esponente del movimento politico-religioso dei Fratelli Musulmani. Un anno dopo si tennero le elezioni presidenziali, considerate da molti osservatori non sufficientemente democratiche, che furono vinte dallo stesso al Sisi con più del 90 per cento dei voti. Da allora al Sisi ha instaurato in Egitto un regime autoritario: ha creato attorno a sé un forte culto della personalità, ha limitato la libertà di stampa e ha fatto arrestare molti dei suoi oppositori politici.

L’attuale Costituzione egiziana prevede che i presidenti stiano in carica per quattro anni e che possano svolgere al massimo due mandati.

Le elezioni da tenere d’occhio nel 2018

Il presidente egiziano Abdel Fatah al Sisi durante l'Assemblea generale delle Nazioni Uniti il 20 settembre 2016, a New York (Drew Angerer/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.