Spotify ha avviato le pratiche per quotarsi in borsa, dice Axios

Il servizio di musica in streaming Spotify ha presentato la documentazione necessaria per quotarsi in borsa negli Stati Uniti. Secondo le fonti consultate dal sito di news Axios, Spotify ha avviato la procedura alla fine dello scorso dicembre e una sua quotazione è data come molto probabile entro la fine di marzo. La società avrebbe intenzione di quotarsi direttamente, evitando parte delle iniziative finanziarie che vengono di solito attivate in vista di un’offerta pubblica iniziale, con l’assegnazione di quote predeterminate. È delle ultime ore la notizia di una causa legale da 1,6 miliardi di dollari contro Spotify, per come ha gestito le licenze per alcuni artisti, ma non è chiaro quali conseguenze potrà avere sulla futura quotazione in borsa.

TAG: ,

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.