• Mondo
  • mercoledì 27 dicembre 2017

In Ucraina è in corso il più grande scambio di prigionieri dall’inizio della guerra, nel 2014, tra ribelli filo-russi e governo ucraino

Il governo ucraino e i ribelli separatisti filo-russi stanno completando oggi il più grande scambio di prigionieri dall’inizio della guerra in Ucraina orientale, nel 2014. L’Ucraina sta trasferendo più di 260 persone alle due repubbliche separatiste filo-russe dell’Est, Donetsk e Luhansk, in cambio di una settantina di soldati ucraini che erano tenuti prigionieri dai ribelli. Lo scambio era già stato previsto dagli Accordi di Minsk, cioè quegli accordi firmati nel 2015 nella capitale della Bielorussia che avrebbero dovuto risolvere una serie di questioni legate al conflitto in Ucraina orientale: è stato organizzato anche con il coinvolgimento del presidente russo Vladimir Putin, del presidente ucraino Petro Poroshenko e del capo della Chiesa ortodossa russa.

(ANATOLII STEPANOV/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.