(Sean Gallup/Getty Images)

Un regalo di Natale al giorno: -6

Alcuni oggetti per rendere più intelligente – nel senso di smart – la propria casa

(Sean Gallup/Getty Images)

“L’anno prossimo i regali di Natale li compro un mese prima”: è uno dei propositi più espressi dell’anno e anche dei più falliti. Ce lo ripromettiamo ogni volta, nell’ansia/panico da regali della vigilia, e poi ci ritroviamo in un batter d’occhio in una nuova ansia/panico da regali della vigilia aggravata dall’ansia/panico di dover passare del tempo tra negozi affollati. È inutile, solo alcuni supereroi ci riescono: per tutti gli altri, il Post ha pensato a un piano B, una soluzione accessibile anche agli umani, un esperimento di compromesso, una riforma elettorale imperfetta. Un regalo di Natale al giorno: fino al 24 dicembre, peschiamo un suggerimento dalle cose immediatamente acquistabili online su diversi siti. Uno solo al giorno, per non impegnarvi troppo: se avete qualcuno a cui sia adeguato, cliccate, comprate, e risolto. Se no, riproviamo il giorno dopo: non chiuderà la pratica, ma speriamo di aiutarvi a smaltirne una parte.

In Italia non ci sono ancora Google Home, Home Pod e Amazon Alexa, cioè gli “smart speaker” di tre delle più grandi aziende di prodotti tecnologici al mondo, ma ci sono altri modi per provare a rendere la propria casa “un po’ più intelligente”. E se una delle persone a cui dovete fare un regalo è una di quelle a cui questa prospettiva interessa, potreste prendere in considerazione un paio di dispositivi per collegare i vostri elettrodomestici al vostro smartphone. Uno è il termostato che nel 2014 piacque molto al peraltro vicedirettore del Post Francesco Costa, che ne scrisse:

«Una volta tiravo fuori l’iPhone dalla tasca e aprivo Twitter, quando ero annoiato: ora apro l’apposita app del termostato e muovo mezzo grado più in là, sposto mezz’ora più in qua, faccio test, cerco pattern e strategie per rendere il tutto più efficiente. Il mio vecchio termostato non si programmava nemmeno quindi mi ripeto che l’eccitazione è giustificata da questo, oltre che dalla speranza di risparmiare qualcosa – più di qualcosa – alla fine dell’inverno: lo faccio per risparmiare, lo faccio per l’ambiente. Ma penso che la verità sia un’altra e abbia in qualche modo a che fare con le manie del self-tracking: dentro di me, lo faccio solo per i grafici».

Questo termostato costa 162 euro: se pensavate a qualcosa di più economico potete prendere in considerazione questa presa elettrica intelligente che si può spegnere anche quando non si è in casa, o comunque senza alzarsi dal divano. Costa circa 42 euro. Che ora vi sembreranno tanti, ma quando dovrete alzarvi dal divano saranno niente.

Qui ci sono tutte le idee per regali del Post giorno per giorno, dal 4 al 24 dicembre.

Ora Consumismi ha una sua newsletter, gratis

(Disclaimer: su alcuni dei siti linkati il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni del prezzo; ma potete anche cercarli su Google. Un consiglio: verificate sempre che il sito da cui state acquistando spedisca il prodotto a cui siete interessati entro Natale.)