• Mondo
  • martedì 19 dicembre 2017

Microsoft ha deciso di vietare gli accordi di arbitrato per le molestie sessuali

Microsoft ha deciso di vietare le clausole di arbitrato con i o le dipendenti che hanno presentato denuncia per molestie sessuali. La società ha anche fatto sapere di sostenere la proposta di legge federale che sempre per questi specifici casi vieta gli arbitrati forzati.

Il New York Times ha scritto che più della metà dei lavoratori e delle lavoratrici degli Stati Uniti sono vincolati a clausole arbitrali. L’arbitrato è un metodo di risolvere le controversie tra le parti senza far ricorso a un procedimento giudiziario. Finora gli accordi di questo tipo, extragiudiziali, hanno consentito di mantenere le denunce per molestie lontane dai tribunali sottraendole così all’opinione pubblica e permettendo spesso ai molestatori di proseguire nella loro condotta.

(Justin Sullivan/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.