(AP Photo/Pioneer Press, Scott Takushi)

Un regalo di Natale al giorno: -13

Una piccola serra da tenere in casa per avere il basilico fresco tutto l'anno, per esempio

(AP Photo/Pioneer Press, Scott Takushi)

“L’anno prossimo i regali di Natale li compro un mese prima”: è uno dei propositi più espressi dell’anno e anche dei più falliti. Ce lo ripromettiamo ogni volta, nell’ansia/panico da regali della vigilia, e poi ci ritroviamo in un batter d’occhio in una nuova ansia/panico da regali della vigilia aggravata dall’ansia/panico di dover passare del tempo tra negozi affollati. È inutile, solo alcuni supereroi ci riescono: per tutti gli altri, il Post ha pensato a un piano B, una soluzione accessibile anche agli umani, un esperimento di compromesso, una riforma elettorale imperfetta. Un regalo di Natale al giorno: fino al 24 dicembre, peschiamo un suggerimento dalle cose immediatamente acquistabili online su diversi siti. Uno solo al giorno, per non impegnarvi troppo: se avete qualcuno a cui sia adeguato, cliccate, comprate, e risolto. Se no, riproviamo il giorno dopo: non chiuderà la pratica, ma speriamo di aiutarvi a smaltirne una parte.

Quest’idea per un regalo va bene per quell’intersezione di insiemi di persone che: vorrebbero tenere delle piante in casa, ma non sono capaci di starci dietro; quando cucinano sono attente ai dettagli; non sono infastidite quando si prova a usare la tecnologia per rendere più semplice qualcosa che si faceva anche prima senza la tecnologia. L’idea è una piccola serra idroponica da tenere in casa per coltivare erbe aromatiche come il basilico e il prezzemolo, ma anche la lattuga. Ci sono varie aziende che le producono, quindi aspetto e costo variano, ma il principio è sempre lo stesso: sono scatole di plastica con un serbatoio per l’acqua e una lampada a led abbastanza potente che si accende e spegne a seconda delle necessità delle piante; tra l’acqua e la luce devono essere messe terra e semi, e il resto avviene più o meno in automatico.

Dal punto di vista del design i modelli più belli sono quelli dell’azienda finlandese Plantui, che però sono anche i più costosi: ce n’è uno in cui si possono far crescere fino a sei piante contemporaneamente, e uno da tre al massimo. Poi c’è quello dell’azienda americana Click & Grow, nata con un crowdfunding su Kickstarter, Garden Machine di TecnoAirSystem, un’azienda italiana, e quelli – più economici, ma meno belli da vedere – di AeroGarden: questo costa 50 euro.

Il business di quasi tutti i produttori di queste serre è simile a quello di chi vende macchinette per il caffè che funzionano con capsule o cialde: ogni modello di serra ha le proprie capsule di semi e terra arricchita di sostanze nutritive. Però ci si può ingegnare e usare semi comuni dopo il primo utilizzo. Lo svantaggio di queste capsule è che costano molto di più rispetto alle piante che si trovano al supermercato, per fare un esempio. Questo discorso comunque non vale per Garden Machine, in cui potete piantare qualsiasi tipo di pianta.

Qui ci sono tutte le idee per regali del Post giorno per giorno, dal 4 al 24 dicembre.

Ora Consumismi ha una sua newsletter, gratis

(Disclaimer: su alcuni dei siti linkati il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni del prezzo; ma potete anche cercarli su Google. Un consiglio: verificate sempre che il sito da cui state acquistando spedisca il prodotto a cui siete interessati entro Natale.)