• Mondo
  • martedì 5 dicembre 2017

La Corte Suprema ha deciso che il “travel ban” può tornare in vigore

Il provvedimento era stato voluto da Trump per bloccare gli ingressi negli Stati Uniti da molti paesi a maggioranza musulmana

Con 7 voti a favore e 2 contrari la Corte Suprema degli Stati Uniti ha deciso che il cosiddetto “travel ban” – la dura misura di controllo degli ingressi nel paese voluta da Donald Trump – potrà tornare in vigore nonostante fosse stata bloccato parzialmente da alcune sentenze di giudici federali. Il “travel ban” è stata una delle prime misure decise dall’amministrazione Trump per combattere l’immigrazione clandestina: permette agli Stati Uniti di rifiutare visti di ingresso a persone provenienti da Chad, Iran, Libia, Somalia, Siria, Yemen, Corea del Nord e Venezuela. Una priva versione del provvedimento, poi bloccata dai giudici e ritirata, riguardava esclusivamente paesi a maggioranza musulmana e per questo era stato accusato di razzismo e rinominato dai critici “muslim ban”, un divieto per i musulmani.

Dopo la firma del provvedimento da parte di Trump lo scorso luglio, diversi giudici federali in tutto il paese ne avevano bloccato l’applicazione accettando ricorsi da parte di molte associazioni per i diritti civili, secondo cui il provvedimento è incostituzionale. La Corte Suprema aveva già deciso a luglio che parti del “travel ban” potevano entrare in vigore e la decisione di ieri dice che tutte le misure previste dal “travel ban” possono essere applicate. La decisione non riguarda però il merito del “travel ban”, ma solo la necessità di sospenderlo con urgenza come fatto dai giudici federali: necessità che secondo la Corte Suprema – che ha accolto l’argomentazione dell’amministrazione – non c’è. La legittimità costituzionale del “travel ban” verrà analizzata nei prossimi mesi.

(AP Photo/Ted S. Warren, file)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.