• Italia
  • venerdì 1 dicembre 2017

Sono stati assolti i genitori che nel 2016 rifiutarono la chemioterapia per la figlia malata di tumore, morta poi mesi dopo

Lino e Rita Bottaro, genitori di Eleonora Bottaro, sono stati assolti dall’accusa di omicidio colposo per avere rifiutato la chemioterapia per la figlia, che l’anno scorso si era ammalata di tumore e che poi era morta nel giro di qualche mese. Il giudice ha stabilito che il fatto non costituisce reato, ma le motivazioni della sentenza arriveranno solo tra un paio di mesi. Eleonora Bottaro viveva a Bagnoli, in provincia di Padova, e quando morì – il 29 agosto 2016 – aveva 17 anni: per questo erano stati i suoi genitori a decidere di farla dimettere dall’ospedale, nonostante i medici avessero raccomandato la chemioterapia. Dopo una segnalazione dell’ASL, la ragazza era poi stata assegnata al tribunale dei minori, e ai genitori era stata tolta la patria potestà.

L'Ospedale di Padova (Ansa).
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.