• Mondo
  • mercoledì 22 novembre 2017

Harvey Weinstein pagò 1 milione di dollari la modella Ambra Battilana Gutierrez per non accusarlo pubblicamente di molestie sessuali, secondo il New Yorker

Il New Yorker ha pubblicato un nuovo articolo del giornalista Ronan Farrow sul caso che ha coinvolto Harvey Weinstein, ex produttore cinematografico americano accusato di violenze sessuali da decine di donne. Farrow scrive che Weinstein pagò un milione di dollari la modella italo-filippina Ambra Battilana Gutierrez, conosciuta in Italia anche per essere stata marginalmente coinvolta negli scandali sessuali legati a Silvio Berlusconi, perché non lo accusasse pubblicamente di violenza sessuale. Weinstein, ha raccontato Gutierrez, le palpò il seno e le mise le mani sotto la gonna: la modella aveva anche diffuso una registrazione nella quale si sentiva Weinstein mentre cercava di convincerla ad avere un rapporto sessuale, nonostante il suo rifiuto. La registrazione era avvenuta perché Gutierrez aveva denunciato precedenti molestie alla polizia, che le aveva dato un microfono nascosto: la denuncia non aveva poi portato a incriminazioni formali.

Weinstein convinse Gutierrez a firmare un accordo di non divulgazione: la modella ha spiegato che lo firmò nello studio dell’avvocato di Weinstein a Manhattan, senza però capirci molto perché non sapeva bene l’inglese. Secondo Farrow, Weinstein ha usato accordi del genere per tenere nascoste le sue violenze sessuali per almeno vent’anni. Per nascondere alla moglie e alla sua casa di produzione i movimenti di denaro, capitò anche che usasse i soldi del conto bancario di suo fratello Bob Weinstein, che ha detto che non sapeva che servissero a coprire casi di molestie (un dirigente di Miramax ha definito questa difesa «implausibile»).

Harvey Weinstein (Brendan Hoffman/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.