Amantes, di Ana Juan
  • Cultura
  • martedì 14 novembre 2017

L’amore illustrato da Ana Juan

Undici storie universali, immaginate e illustrate dall'importante disegnatrice spagnola: probabilmente troverete anche la vostra

Amantes, di Ana Juan

Ana Juan è una delle illustratrici spagnole più apprezzate del momento: ha disegnato molti volumi e collabora frequentemente con importanti riviste internazionali, tra cui il New Yorker. Logos Edizioni ha appena ristampato il suo Amantes, un racconto illustrato che raccoglie undici storie d’amore universali: ci sono l’amore fedele, una storia di amanti che si presentano puntuali da anni al solito appuntamento; quello effimero, come un tuffo in piscina in un giorno d’estate; quello lontano, fatto degli ultimi baci dati al gate dell’aeroporto o al binario del treno; e quello sconosciuto, tra chi si sfiorava ogni giorno condividendo gli stessi luoghi e gli stessi impegni, ed era fatto l’uno per l’altro ma non se n’era mai reso conto.

Ana Juan è nata a Valencia nel 1961: scrive, disegna e dipinge ed è nota soprattutto per la collaborazione con il New Yorker, di cui ha illustrato più di 20 copertine, e per aver disegnato le copertine dei libri di Isabelle Allende pubblicati dall’editore spagnolo DeBolsillo. Nel 2010 ha ricevuto il Premio nazionale di illustrazione che il Ministero della cultura spagnola assegna ogni anno.

Prima di questa nuova edizione, Amantes era uscito per Logos nel 2010 in versione integrale e nel 2012 con la pubblicazione delle singole storie. Sono in tutto undici, che Juan racconta seguendo uno schema comune: sintetizzando ciascuna in otto immagini intervallate da altrettante frasi di accompagnamento. Le immagini hanno un ruolo molto più rilevante delle parole: fanno emergere il senso di malinconia comune a tutte le storie e il punto di vista dell’autrice, soprattutto nella scelta dei personaggi. Ci sono anche molti richiami artistici: all’opera di Modigliani, al cubismo e all’espressionismo, ricorrenti in molti lavori di Juan.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.