• Mondo
  • martedì 10 ottobre 2017

Il capo dell’agenzia dell’ambiente statunitense firmerà oggi l’eliminazione di un importante piano nazionale per l’ambiente voluto da Barack Obama

Scott Pruitt – il capo dell’Agenzia statunitense per la protezione dell’ambiente (EPA) – ha detto che firmerà oggi un nuovo piano che sostituirà il Clean Power Plan fatto dall’amministrazione Obama: un piano nazionale (cioè un insieme di regolamenti) che aveva lo scopo di ridurre le emissioni di gas serra prodotte dalle centrali elettriche alimentate a carbone. Pruitt, nominato da Trump, è noto per aver detto in passato di non essere convinto che le emissioni di anidride carbonica (CO2) prodotte dall’attività umana siano una delle principali cause del riscaldamento globale. Il 9 ottobre ha invece detto, parlando del piano che prenderà il posto di quello di Obama, che «la guerra al carbone è finita». Il Guardian ha scritto che Pruitt, che arriva dall’Oklahoma, «è strettamente collegato agli interessi dell’oil and gas nel suo stato».

 

 

Scott Pruitt (Tom Williams/CQ Roll Call via AP Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.