• Mondo
  • domenica 1 ottobre 2017

L’evacuazione dell’isola Ambae è stata accelerata per l’intensificarsi dell’attività del vulcano Manaro

Le operazioni di evacuazione degli abitanti dell’isola di Ambae, una delle 83 che compongono lo stato insulare di Vanuatu, sono cominciate la scorsa settimana e si sarebbero dovute concludere entro il 6 ottobre. Ma l’intensificarsi dell’attività vulcanica ha costretto i circa 11.000 abitanti dell’isola ad affrettare le operazioni di evacuazione: l’attività del vulcano Manaro ha infatti contaminato l’acqua potabile a disposizione degli abitanti, che nelle ultime ore sono quindi stati soccorsi da decine di imbarcazioni e piccoli velivoli provenienti dalle altre isole dell’arcipelago e anche dagli altri stati più vicini, Australia compresa.

Negli ultimi giorni gli abitanti di Ambae hanno visto colonne di fumo alzarsi da varie parti del vulcano e hanno sentito dei rumori provenire dalla montagna. Gli esperti hanno alzato il livello di attività vulcanica a 4, in una scala in cui al livello 5 corrisponde un’eruzione.

(DAN MCGARRY/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.