• Mondo
  • sabato 30 settembre 2017

La polizia catalana sequestrerà le urne e chiuderà i seggi prima dell’inizio delle votazioni per il referendum sull’indipendenza della Catalogna

Josep Trapero, capo dei Mossos d’Esquadra, la polizia catalana, ha dato ordine ai suoi agenti di requisire le urne e il materiale elettorale nei collegi che dovrebbero aprire domenica 1 ottobre, quando in Catalogna si voterà per il referendum sull’indipendenza. L’ordine dovrà essere eseguito prima delle 6 di mattina, cioè prima dell’apertura dei seggi. Secondo un documento firmato da Trapero, che Europe Press ha potuto leggere, in ogni seggio ci sarà una pattuglia dei Mossos, che avrà il compito di bloccare le operazioni di voto. Trapero ha anche ordinato ai suoi uomini di limitare l’uso della violenza verso i cittadini che vorranno votare e proveranno a opporre forme di resistenza passiva.

Il documento di Trapero è stato molto ripreso dalla stampa spagnola perché una delle incognite più grandi del referendum di domenica è l’atteggiamento che terranno i Mossos d’Esquadra nei confronti del referendum, come spiegato nel dettaglio qui.

Due poliziotti della Guardia civile e due agenti dei Mossos d'Esquadra a Barcellona (JOSEP LAGO/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.