Bambini di etnia rohingya si lavano con l'acqua piovana raccolta in un canale nelle vicinanze del campo profughi di Taiy Khali. Si stima che nell'ultimo mese i rohingya costretti a lasciare le loro case in Myanmar e a superare il confine con il Bangladesh siano stati più di 400mila, a causa degli scontri tra ribelli del gruppo ARSA ed esercito birmano. Diverse organizzazioni internazionali hanno accusato l'esercito birmano di bruciare sistematicamente le case dei rohingya per costringerli a lasciare il paese, mentre l'ONU ha parlato di "pulizia etnica" (AP Photo/Dar Yasin)

Giovedì 21 settembre

Le foto più belle di ieri, da tutto il mondo

TAG: