• Italia
  • mercoledì 13 settembre 2017

La Procura di Rimini indagherà sulla diffusione di notizie false dopo lo stupro del 26 agosto

L’inchiesta è stata aperta dal magistrato Paolo Giovagnoli per il reato di diffusione di notizie false, ma al momento non ci sono indagati. L’indagine è iniziata in seguito alla denuncia di due cittadini tunisini la cui foto era stata fatta circolare online nei giorni successivi allo stupro. Alcuni quotidiani li avevano indicati fra i sospettati, ma quasi subito il giornale online Riminitoday aveva fatto notare che le foto erano state pubblicate sul proprio sito nel 2016, e che riguardavano degli arresti per spaccio di droga.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.