Javier Bardem e Penelope Cruz alla prima di Loving Pablo - 6 settembre 2017 (Joel Ryan/Invision/AP)
  • Cultura
  • mercoledì 6 settembre 2017

Javier Bardem e Penelope Cruz a Venezia

Dopo le foto di ieri con Jennifer Lawrence, oggi è insieme a Penelope Cruz per la prima di un film su Pablo Escobar

Javier Bardem e Penelope Cruz alla prima di Loving Pablo - 6 settembre 2017 (Joel Ryan/Invision/AP)

A Venezia, la coppia di oggi sono loro: Javier Bardem e Penelope Cruz, marito e moglie dal 2010, qui insieme per la presentazione di Loving Pablo, diretto da Fernando León de Aranoa. Il film è fuori concorso ed è ispirato al libro Loving Pablo, Hating Escobar della giornalista colombiana Virginia Vallejo. Racconta del famosissimo narcotrafficante Pablo Escobar che negli ultimi tempi ha ispirato molti registi e sceneggiatori, primi tra gli altri quelli della serie di Netflix Narcos. Bardem – che ha recitato anche in Mother!, presentato ieri e in concorso – interpreta Escobar, mentre Cruz ricopre il ruolo di Virginia Vallejo con la quale Escobar ebbe una lunga relazione prima che lei venisse portata negli Stati Uniti (dove le è stato riconosciuto l’asilo politico) dagli agenti della DEA, l’agenzia antidroga, e diventasse collaboratrice di giustizia.

I film in concorso presentati oggi sono due: Sweet Country di Warwick Thornton è un western ambientato in Australia nel 1929 e racconta la storia di un guardiano di bestiame aborigeno che reagisce all’aggressione di un proprietario terriero bianco, e senza volere lo uccide. Sam Neill fa parte del cast ed è tra quelli fotografati oggi per la presentazione. Per Ammore e malavita c’erano invece Claudia Gerini e Carlo Buccirosso: la commedia rientra tra i film italiani in concorso ed è diretta dalla coppia di registi Manetti Bros (cioè i fratelli Marco e Antonio Manetti). È ambientato a Napoli: un sicario di nome Ciro riceve l’incarico di uccidere Fatima, una giovane infermiera che una sera aveva visto qualcosa che non doveva.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.