• Mondo
  • giovedì 24 agosto 2017

La Germania ha recuperato tutto l’oro che aveva nascosto all’estero durante la Guerra fredda

La banca centrale tedesca ha fatto sapere di aver recuperato tutte le 674 tonnellate di oro che aveva nascosto all’estero durante la Guerra fredda, quando temeva un’invasione della Russia. Per la precisione sono rientrati in Germania 53.780 lingotti d’oro, ciascuno dal peso di 12,5 chili e dal valore approssimativo di 440mila euro l’uno. L’operazione di recupero delle riserve d’oro nascoste all’estero era iniziata nel 2013.

La Germania continuerà comunque a lasciare parte del suo oro all’estero come garanzia in caso di gravi problemi economici (per esempio una crisi dell’euro) o disastri naturali. Come spiegò nel 2013 il Washington Post, è normale che, anche senza emergenze, i paesi lascino parte del loro oro all’estero in luoghi sicuri, politicamente stabili e con cui hanno frequenti scambi commerciali: anche il 43 per cento delle riserve auree italiane, per esempio, si trova negli Stati Uniti. «È molto conveniente; quando un governo o una banca centrale deve vendere oro a quella di un altro paese, basta spostare il prezioso metallo da una stanza all’altra del caveau, senza i rischi connessi al doverlo trasportare, magari attraversando un oceano», ha scritto il Washington Post.

(ARNE DEDERT/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.