• Mondo
  • venerdì 21 luglio 2017

La polizia ha usato lacrimogeni e manganelli per disperdere dei manifestanti in Marocco

Reuters scrive che una protesta ad al Hoceima, nel nord del Marocco, è stata repressa dalla polizia giovedì con lacrimogeni e manganelli: nella città dallo scorso ottobre sono in corso le più grandi proteste che hanno interessato il Marocco dai tempi di quelle ispirate alle cosiddette “primavere arabe”. I manifestanti – uomini, donne e bambini – protestano contro la corruzione delle autorità locali e per le difficili condizioni economiche: tutto è cominciato quando lo scorso ottobre un pescivendolo è morto schiacciato in un camion della spazzatura, mentre cercava di recuperava la sua merce sequestrata dalla polizia. Dallo scorso maggio, la polizia ha arrestato oltre 100 membri di Hirak al Chaabi, il movimento dietro alle proteste.

(STRINGER/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.