Cosa ha detto davvero Salvini sulla pulizia etnica

Non quello che sta circolando sui social network, ma una cosa diversa: l'equivoco è nato da un errore dell'ANSA

Matteo Salvini (ANSA/GIORGIO ONORATI)

Da un paio d’ore su alcuni siti di news e sui social network stanno circolando delle dichiarazioni molto dure e minacciose contro i migranti attribuite a Matteo Salvini, segretario della Lega Nord. Le frasi attribuite a Salvini però sono scorrette: l’errore è nato da un lancio di agenzia sbagliato da parte dell’ANSA. Questa mattina ANSA aveva scritto che Salvini aveva detto, durante una trasmissione a Radio Padania: «Sull’immigrazione dobbiamo deciderci una volta per tutte: serve un programma di pulizia etnica. Altro che belle addormentate nel bosco tipo la Serracchiani che di fronte a uno stupro si mettono a versare lacrime di coccodrillo». Il passaggio è stato ripreso da molti siti di news e ha generato comprensibili indignazioni sia da esponenti politici che da molte persone sui social network. Ma in realtà Salvini ha detto una cosa diversa, che si può ascoltare qui, al minuto 4.50.

«Vedremo di adottare ogni mezzo possibile, oltre a quelli che già abbiamo percorso, per fermare questa invasione. E quando dico ogni mezzo dico ogni mezzo, ovviamente legalmente permesso o quasi, perché siamo di fronte a un tentativo evidente di pulizia etnica, di sostituzione etnica ai danni di chi vive in Italia»

Dunque, comunque lo si voglia giudicare, Salvini non aveva auspicato nessuna “pulizia etnica” nei confronti degli immigrati, ma aveva sostenuto che gli italiani ne fossero vittime e gli immigrati rsponsabili. Durante la trasmissione Salvini ha anche commentato gli arresti di questa notte in Calabria nell’ambito di un’indagine che ha rivelato come un potente clan della ‘ndrangheta gestisse da tempo uno dei più importanti centri di accoglienza d’Europa.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.