Un uomo scende le scale del parlamento di Berlino, il 28 settembre 2016 (Sean Gallup/Getty Images)
  • Mondo
  • sabato 25 Marzo 2017

Esprit de l’escalier

Foto di persone che salgono e scendono, magari alla ricerca di una battuta brillante

Un uomo scende le scale del parlamento di Berlino, il 28 settembre 2016 (Sean Gallup/Getty Images)

L’espressione francese esprit de l’escalier (letteralmente “spirito della scala”) si usa per parlare di quella spiacevole sensazione di quando la risposta o battuta adeguata a una provocazione non arriva al momento giusto, ma troppo tardi per poter essere usata. Quando si è già sul pianerottolo o sulle scale. Una parola per indicare la stessa sensazione esiste anche in tedesco: è Treppenwitz, una composizione della parola tedesca per “scala” e di quella per “ironia”. C’entrano le scale perché a volte è quando si è appena andati via dal posto in cui è avvenuto il mancato scambio di battute, magari salendo o scendendo da una scala per allontanarsi, che arriva una brillante idea di replica. Il primo a usare l’espressione esprit de l’escalier è stato Denis Diderot, uno dei due inventori dell’enciclopedia, nel 1773.

Sarebbe bello se per ogni scala scesa o salita, ci fosse una buona idea o una battuta brillante che appare all’improvviso e ci cambia la giornata.