Francois Fillon (CHRISTOPHE ARCHAMBAULT/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • martedì 14 marzo 2017

François Fillon è stato formalmente accusato di malversazione di fondi pubblici

Per lo scandalo che coinvolge sua moglie e i suoi figli, e che sta affossando la sua candidatura alle elezioni presidenziali francesi

Francois Fillon (CHRISTOPHE ARCHAMBAULT/AFP/Getty Images)

François Fillon, il candidato del centrodestra alle prossime elezioni presidenziali francesi, è stato formalmente accusato per malversazione di fondi pubblici. Fillon è accusato di aver dato alla moglie Penelope un posto di lavoro fittizio come sua assistente parlamentare e come consulente di un giornale di proprietà di un suo amico, incarichi per i quali Penelope Fillon avrebbe percepito 900mila euro senza lavorare. Fillon è anche sospettato di avere impiegato due dei suoi figli come avvocati per delle “missioni specifiche”, in un momento nel quale però i figli non erano neppure avvocati ma solo studenti di giurisprudenza.

A causa dello scandalo, emerso diverse settimane fa, Fillon ha già perso molti consensi, tanto che in più occasioni sulla stampa francese si era parlato della possibilità di un suo ritiro. In precedenza Fillon aveva detto che se fosse stato incriminato formalmente avrebbe ritirato la propria candidatura alle elezioni presidenziali francesi, che si terranno il prossimo 23 aprile, poi però aveva cambiato idea. Per ora non ha commentato la notizia della sua incriminazione.

François Fillon, esponente dei Repubblicani, aveva vinto le primarie del centrodestra francese lo scorso novembre, superando al secondo turno Alain Juppé. Lo scandalo che coinvolge la moglie di Fillon era venuto fuori per la prima volta a gennaio, grazie a un’inchiesta di Le Canard enchaîné. Da allora la posizione di Fillon si è complicata sempre di più, così come la sua popolarità. Al momento della sua candidatura, Fillon era considerato il principale sfidante di Marine Le Pen, leader del partito di estrema destra Fronte Nazionale. Oggi non si può dire lo stesso e il suo posto è stato preso da Emmanuel Macron, candidato indipendente che con sorpresa di molti è riuscito a guadagnare parecchi consensi e a diventare un possibile vincitore delle elezioni presidenziali.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.