(Sascha Steinbach/Getty Images)

Da dove viene Álvaro Soler

Sarà l'ospite internazionale di questa sera, ma fino a pochi anni fa studiava da ingegnere

(Sascha Steinbach/Getty Images)

Questa sera al Festival di Sanremo l’ospite internazionale principale sarà il cantante spagnolo Álvaro Soler. Soler è nato a Barcellona il 9 gennaio del 1991, da padre tedesco e madre spagnola. Dai dieci ai diciassette anni ha vissuto a Tokyo, dove suo padre si era trasferito per lavoro, motivo per cui parla spagnolo, tedesco e giapponese (oltre all’italiano, imparato durante un anno di Erasmus). Una volta tornato a Barcellona fondò la band Urban Lights insieme con il fratello e alcuni amici, gruppo con cui partecipò al talent show Tú sí que vales, dove raggiunsero la finale.

Il vero successo è arrivato però solo nel 2015, quando Soler, dopo essersi laureato in Design industriale, decise di dedicarsi completamente alla musica e di trasferirsi a Berlino. Poco dopo pubblicò il suo primo singolo da solista: El mismo sol. La canzone, in seguito inclusa nel suo primo album Eterno agosto, ebbe un successo notevole in tutto il mondo, ma soprattutto in Italia e Svizzera dove raggiunse la prima posizione dei singoli più venduti. Dal disco Eterno agosto sono stati tratti poi altri due singoli, Agosto Sofia, di molto successo.

 

Nel 2016 Álvaro Soler è diventato anche uno dei giudici dell’edizione italiana del talent show X-FactorA proposito del suo rapporto con l’Italia in un’intervista a Vanity Fair aveva detto: «[L’Italia] è complicata, difficile da soddisfare. Ma è davvero una storia importante. Quando vado in giro, vedo le persone, ci parlo, esco dal virtuale, sento un affetto travolgente. Quando sono a Berlino, mi basta sentir parlare italiano per pensare: “Riportatemi lì”. E poi il cibo. Sapevo che sarebbe stato buono, ma non così buono. Il cibo mi rende felice. Il cibo mette a posto tutto». Questa sera Álvaro Soler presenterà probabilmente il suono nuovo singolo, Animal.

Animal

Sofia

Libre (con Emma Marrone)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.