Gli occhi della città

E di quelli che la vivono, che Richard Sandler ha fotografato per 34 anni, tra Boston e New York

© Richard Sandler / The Eyes of the City

Dal 1977, quando gli regalarono una macchina fotografica Leica, fino al 2011, Richard Sandler ha scattato fotografie di strada tra Boston e New York: le immagini raccolte in questi 34 anni fanno ora parte del libro The Eyes of the city, pubblicato da PowerHouse Books.
Nelle sue foto Sandler non solo mostra la città attraverso i suoi occhi, ma anche attraverso quelli delle persone che ci vivono e che spesso guardano dritti in camera.

Sandler ha spiegato che la sua scelta di fare fotografie di strada è probabilmente dovuta alla frequenza con cui marinava la scuola da ragazzo, finendo per bighellonare in giro per New York. Nel 1977 decise di dedicarsi alla fotografia: in quegli anni viveva a Boston e fino a quel momento aveva lavorato come cuoco e agopuntore. Nel 1980 tornò a New York e si mise a fotografare per le strade il crimine e la diffusione della droga a Times Square, nell’East Village e ad Harlem, ma anche le signore impellicciate a passeggio per il centro.
Negli ultimi anni si è dedicato soprattutto alla produzione di corti (tra i suoi film ci sono The Gods of Times Square, Brave New York e Radioactive City). Le sue fotografie sono esposte nelle collezioni permanenti della New York Public Library, del Brooklyn Museum e dello Houston Museum of Fine Art, tra gli altri. Le sue foto si possono vedere anche sul suo sito, qui.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.