I ministri del governo Gentiloni (ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Le foto del giuramento del governo Gentiloni

La cerimonia si è tenuta questa sera al Quirinale, seguita dal passaggio delle consegne con Matteo Renzi a Palazzo Chigi

I ministri del governo Gentiloni (ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Lunedì sera i membri del nuovo governo, guidato dal presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, hanno giurato al Quirinale di fronte al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, e sono entrati formalmente in carica. Poi Gentiloni ha incontrato Matteo Renzi a Palazzo Chigi, l’edificio che ospita il governo, per il passaggio di consegne. Domani il governo si presenterà alla Camera per ottenere il voto di fiducia, poi sarà la volta del Senato; entro mercoledì sera, scrive Repubblica, dovrebbero essersi concluse entrambe le votazioni e già giovedì Gentiloni potrebbe partecipare al Consiglio europeo, che riunisce tutti i capi di stato o di governo dei paesi membri dell’Unione Europea. Intanto è già cominciato e terminato il primo Consiglio dei ministri del nuovo governo.

Il nuovo governo è formato da 18 ministri: Marco Minniti agli Interni, Angelino Alfano agli Esteri, Pier Carlo Padoan all’Economia, Andrea Orlando alla Giustizia, Roberta Pinotti alla Difesa, Graziano Delrio alle Infrastrutture, Carlo Calenda allo Sviluppo economico, Valeria Fedeli all’Istruzione, Giuliano Poletti al Lavoro, Dario Franceschini ai Beni culturali, Maurizio Martina alle Politiche agricole, Luca Lotti allo Sport, Claudio De Vincenti alla Coesione territoriale e Sud, Beatrice Lorenzin alla Salute, Marianna Madia alla Pubblica Amministrazione, Anna Finocchiaro ai Rapporti con il Parlamento, Enrico Costa agli Affari regionali, Gianluca Galletti all’Ambiente. Maria Elena Boschi sottosegretario alla presidenza del Consiglio.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.