ANSA/CIRO FUSCO

La lettera di Bersani per darsi una calmata

Propone di non mettere in discussione il governo, e di gestire il confronto nel PD all'interno del PD e non sui giornali

ANSA/CIRO FUSCO

Pier Luigi Bersani, ex segretario del Partito Democratico e oggi principale oppositore interno del segretario Matteo Renzi sulle riforme costituzionali, ha scritto una lettera a Repubblica, pubblicata domenica, in cui propone di attenuare le tensioni della campagna elettorale (anche se lo illustra più come un “sogno” che come una proposta concreta e diretta). Lo fa smorzando i toni apocalittici sul dopo referendum, chiedendo al governo Renzi di rimanere in carica e al partito di gestire le divergenze interne, sottraendole alla concitazione polemica della comunicazione via giornali. Ma è significativo che queste proposte Bersani le faccia con una lettera al direttore di Repubblica.

Caro direttore, le ipotesi sensate diventano sogni, come scrive Ezio Mauro, quando il tempo si consuma. Da oltre un anno a questa parte se avessi avuto l’inedita occasione di essere seriamente e direttamente ascoltato avrei detto quel che andavo dicendo pubblicamente e che devo ripetere oggi. Aver messo in gioco il governo sui temi costituzionali ed elettorali ha acceso la miccia scoperchiando il vaso di Pandora delle tensioni accumulate in questi anni, non solo da noi. Al fondo, in realtà, c’è una enorme questione sociale mondiale e italiana che meriterebbe almeno di essere nominata e compresa, e non taciuta o negata dalla gufologia. Senza rimettere i piedi nella realtà non se ne viene fuori. Questo vale per la politica e vale per l’informazione.
Ciò che si può fare in superficie e nell’immediatezza di questi venti giorni è lavorare per raffreddare il clima ragionando responsabilmente sul dopo. Diciamo dunque assieme che sul referendum non è in gioco il governo. Diciamo al mondo che la riforma del senato è una vicenda italo-italiana e che non siamo né su un crinale né su un precipizio. Diciamo assieme che è ovvio e giusto che il Pd dia la sua indicazione di voto e che è altrettanto ovvia e giusta la libertà di ciascuno davanti a temi costituzionali. Il segretario potrà ben dire che spera di poter convincere i democratici che vogliono votare No, ma ovviamente ritiene che quelle realtà associative e quelle persone hanno piena cittadinanza nel Pd e nel centrosinistra.

(Continua a leggere su La Repubblica)