Leonard Cohen a Parigi, 16 gennaio 2012 (JOEL SAGET/AFP/Getty Images)
  • Cultura
  • venerdì 11 novembre 2016

Tutti quelli che hanno cantato “Hallelujah”

Da Jeff Buckley, che ne ha fatto la versione più famosa, a Bono degli U2 che l'ha rivisitata parecchio

Leonard Cohen a Parigi, 16 gennaio 2012 (JOEL SAGET/AFP/Getty Images)

“Hallelujah” è una delle canzoni più famose di Leonard Cohen, cantautore canadese morto giovedì 10 novembre a 82 anni. La scrisse nel 1984 e la conoscono quasi tutti, ma forse non cantata da lui. Nel 2011 Luca Sofri raccontò che David Daley del sito Salon aveva parlato dell’”uso criminale” di “Hallelujah” ricordando come lo stesso Cohen avesse dichiarato che «la canzone è bella» ma che «forse l’hanno cantata un po’ in troppi» (venne inclusa anche nella colonna sonora del film d’animazione Shrek). Daley si associava a Cohen nel chiedere una moratoria sul brano. La cover più famosa è comunque quella di Jeff Buckley, del 1994:

Buckley riprese la sua versione da un altro adattamento, quello di John Cale (1991):

Bono, U2 (1995):

Eugenio Finardi (2003):

KD Lang (2004):

Ed Sheeran (2014):

Willie Nelson (2006):

Rufus Wainwright (2007):

Bon Jovi (2007):

Alexandra Burke (2008):

Susan Boyle (2010):

Justin Timberlake & Matt Morris la cantorono durante il telethon Hope for Haiti Now, la versione fu poi inclusa nell’omonimo album, (2010):

Damien Rice (2011):

Michael Bolton (2011):

Pentatonix (2016):

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.