(Richard Pohle/WPA Pool/Getty Images)

Gli europei lavorano meno degli americani

Circa un'ora in meno al giorno, dice un nuovo studio, ma non è una questione culturale: c'entrano cose come la tassazione e la possibilità di fare carriera

di Ben Steverman – Bloomberg
(Richard Pohle/WPA Pool/Getty Images)

Un nuovo studio ha cercato di misurare in maniera precisa quanto gli americani lavorino in più rispetto agli europei, scoprendo che l’europeo medio lavora il 19 per cento in meno rispetto a un americano. Sono circa 258 ore di lavoro in meno all’anno, circa una in meno per giorno lavorativo, o, per dirla in altri termini: negli Stati Uniti le persone lavorano quasi il 25 per cento di ore in più degli europei.

Le ore lavorative variano molto da paese a paese, stando a una versione ancora non pubblicata dello studio degli economisti Alexander Bick dell’Arizona State University, Bettina Bruggemann della McMaster University dell’Ontario e Nicola Fuchs-Schundeln della Goethe-Universität di Francoforte. Le abitudini degli svizzeri in fatto di lavoro, per esempio, sono le più simili a quelle degli americani, mentre l’Italia è il paese in cui si lavora meno, il 29 per cento delle ore in meno all’anno rispetto agli Stati Uniti. L’obiettivo dello studio è facilitare i confronti tra paesi, inserendo nel calcolo delle ore tutte le persone e non solo quelle che hanno un lavoro. Il dato tiene conto della lunghezza della settimana lavorativa tipica, ma anche di fattori come la pensione, le vacanze, la disoccupazione e altro tempo non trascorso al lavoro. Non tutto il tempo passato in ufficio, in negozio o in fabbrica è però ben speso: la produzione è un altro fattore fondamentale per misurare la produttività, cioè l’ammontare del valore economico che ciascuna nazione ottiene da ogni ora di lavoro dei suoi cittadini. Per calcolarla con precisione, però, è importante disporre di un calcolo affidabile delle ore lavorative di ogni persona. I dati dettagliati forniti dallo studio potrebbero aiutare i ricercatori a capire come mai gli americani lavorano molto di più degli europei e quali fattori incidono maggiormente sulla produttività.

Una delle teorie è che gli americani lavorino di più perché hanno più probabilità di vedersi ripagare i propri sforzi supplementari. Negli Stati Uniti ci sono più possibilità di aumentare il proprio reddito da lavoro e perciò «i lavoratori sono incentivati a fare di più per fare carriera, in quanto una promozione ha un valore maggiore», ha detto Dora Gicheva, economista della University of North Carolina di Greensboro, citando uno studio in cui si mettevano a confronto Stati Uniti e Germania. Anche le tasse sono un fattore importante. Malgrado quello che dice il candidato alla presidenza del Partito Repubblicano Donald Trump, negli Stati Uniti le tasse sono considerevolmente più basse che in Europa. Diversi studi hanno indicato che il maggior carico fiscale riduce l’incentivo ad aggiungere ore di lavoro per guadagnare di più. «Gli americani sono più ricchi degli europei, e uno dei motivi sono le tasse che in Europa soffocano gli incentivi a lavorare», ha detto Lee Ohanian, economista della University of California di Los Angeles. Forse, però, il fattore determinante è che in Europa i sindacati, insieme ad altre tutele dei lavoratori, sono più forti che negli Stati Uniti. «I dati indicano con forza come le norme sul lavoro e la sindacalizzazione sembrino essere i fattori principali per spiegare le differenze tra Stati Uniti ed Europa», conclusero degli economisti delle università di Harvard e Dartmouth in uno studio del 2006. Le più generose pensioni europee sono un altro importante elemento che disincentiva gli anziani a lavorare, si legge nello studio. Negli Stati Uniti il numero delle persone con più di 65 anni che continua a lavorare è il più alto da cinquant’anni: il passaggio dai sistemi pensionistici tradizionali ai fondi integrativi – i cosiddetti 401(k) – fa sì che per gli americani sia diventato più difficile capire quando conviene andare in pensione.

Una cosa è chiara: la differenza nelle ore lavorative svolte tra americani ed europei non è solo una differenza culturale: secondo diversi studi, infatti, fino agli anni Settanta americani ed europei occidentali lavoravano grossomodo lo stesso numero di ore alla settimana.

© 2016 – Bloomberg