Le prime pagine di oggi

Il rapimento di due italiani in Libia, l'arresto di un sospetto per le bombe di New York, e il rinvio dell'esame della legge elettorale da parte della Corte Costituzionale

Per quasi tutti i giornali di oggi la notizia di apertura è il rapimento in Libia di tre dipendenti, due italiani e un canadese, di una società di costruzioni che lavoravano all’aeroporto di Ghat, nel sud del paese; a questa notizia molti quotidiani collegano l’arresto a New York di un cittadino statunitense di origini afghane per le bombe esplose a Manhattan e nel New Jersey. Il Manifesto apre invece sulla decisione della Corte Costituzionale di rinviare l’esame della legge elettorale a dopo il referendum costituzionale, mentre la Verità (il nuovo giornale diretto da Maurizio Belpietro, in edicola da oggi) si occupa di un’indagine della Procura di Cuneo nella quale, anche se non indagati, sarebbero stati intercettati i genitori del presidente del Consiglio Renzi.

Una newsletter sul dannato futuro dei giornali