L'attrice Ilaria Spada con il compagno e regista Kim Rossi Stuart alla prima di "Tommaso" al festival del cinema di Venezia - 6 settembre 2016 (Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)
  • Cultura
  • mercoledì 7 settembre 2016

Le foto di martedì a Venezia

Kim Rossi Stuart e Cristiana Capotondi alla prima di "Tommaso", e Suki Waterhouse per "The Bad Batch"

L'attrice Ilaria Spada con il compagno e regista Kim Rossi Stuart alla prima di "Tommaso" al festival del cinema di Venezia - 6 settembre 2016 (Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)

Alla mostra del cinema di Venezia è stato presentato martedì un altro film italiano fuori concorso: Tommaso di Kim Rossi Stuart, che ci recita insieme a Cristiana Capotondi, Jasmine Trinca e Camilla Diana. Racconta la storia di un uomo e delle sue difficoltà e nevrosi ad affrontare rapporti sessuali e sentimentali con le donne. Tra i film in concorso c’era invece The Bad Batch, della regista statunitense di origine iraniana Ana Lily Amirpour, famosa per il suo precedente e primo film A Girl Walks Home Alone at Night, una sorta di western iraniano coi vampiri. Questo suo secondo film, con Suki Waterhouse, Keanu Reeves e Jim Carrey nel cast, parla di un’apocalisse cannibale.

È stato presentato anche Une vie, adattamento del romanzo di Guy de Maupassant decisamente apprezzato dalla critica, e nella sezione Orizzonti – dedicata alle nuove tendenze del cinema internazionale – Gukoroku (Traces of sin), del giapponese Kei Ishikawa, tratto dal romanzo di Tokuro Nukui: è un thriller in cui un giornalista indaga l’uccisione di un uomo, sua moglie e i loro tre figli, rimasto irrisolto a un anno di distanza.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.