© John Vink/Magnum Photos

8 grandi fotografie di persone che scappano

Le hanno scattate i fotografi della celebre agenzia Magnum, raccontano 70 anni di fughe ed esili, sono esposte a Perpignan

Dal 29 agosto al 4 settembre si terrà, nell’ambito del festival di fotografia internazionale Visa Pour L’Image a Perpignan, in Francia, la mostra Exile, organizzata dall’agenzia fotografica Magnum in collaborazione con Canon. Exile (cioè esilio, in italiano) include 22 immagini che i fotografi di Magnum hanno scattato negli ultimi 70 anni a persone che fuggono da guerre, conflitti e disastri naturali, e che inquadrano storicamente anche la crisi europea dei migranti del giorno d’oggi.

Sono esposti i lavori di importanti fotografi internazionali del passato (Robert Capa, Philip Jones Griffiths) e contemporanei (Abbas, Bruno Barbey, Thomas Dworzak, Alex Majoli, Susan Meiselas, Paolo Pellegrin e Jerome Sessini, tra gli altri), con reportage che raccontano la guerra dei sei giorni e quella in Iraq, quella in Ruanda e la primavera araba. Le immagini mostrano i civili che tornano a casa dopo la Seconda guerra mondiale fotografati da Robert Capa; una donna vietnamita ritratta da Philip Jones Griffiths mentre scappa da un bombardamento statunitense; e gli sfollati del Sud Sudan di John Vink.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.