(Marco Luzzani/Getty Images)

«L’Italia ha avuto, negli ultimi 22 anni, ben quattro colpi di stato»

Lo ha detto Silvio Berlusconi durante un'intervista, e forse qualcuno sarà d'accordo con lui

(Marco Luzzani/Getty Images)

Oggi, 25 maggio, è stato diffuso l’audio di un’intervista che Silvio Berlusconi ha fatto con “ECG Regione”, un programma della radio dell’Università degli Studi Niccolò Cusano, un’università telematica con sede a Roma. Nell’intervista Berlusconi ha parlato delle elezioni comunali di Roma del prossimo 5 giugno – ha detto di essere in una «sintonia perfetta» con Alfio Marchini, il candidato sostenuto da Forza Italia – e del passato, del presente e del futuro suo, di Forza Italia e dell’Italia. Berlusconi ha detto di aspettare una sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo che lo «rimetta nello splendore di una piena innocenza» e che gli italiani hanno capito la persecuzione a cui è stato sottoposto. Parlando della recente storia politica italiana Berlusconi ha aggiunto:

L’Italia ha avuto, negli ultimi 22 anni, ben quattro colpi di stato

Nell’ultima parte dell’intervista – il cui podcast si può scaricare o ascoltare online – Berlusconi ha anche detto, rispondendo a una domanda in cui gli si chiedeva che fine avessero fatto i girotondini, che da circa un anno e mezzo non ha avuto girando per strada l’impressione di imbattersi in qualcuno che lo guardasse male, «con cattiveria». Anzi, Berlusconi ha detto «fermo sempre il traffico dovunque io vada» e ha poi fornito anche dei dati più precisi:

Nei piccoli paesi si svuotano tutti i negozi, i bar, eccetera, e mi stanno tutti quanti intorno. L’altra sera sono stato per esempio a una riunione non precisamente politica e ho dovuto dedicarmi a 327 fotografie. Questo è il conto che hanno fatto i miei uomini di scorta.